Zubin Mehta e Stefano Bollani

Domenica 29 settembre 2019, ore 19.30
Aperia della Reggia di Caserta

Direttore
Zubin Mehta

Pianoforte
Stefano Bollani

Orchestra del Teatro di San Carlo

Programma

 

Giuseppe Verdi I Vespri siciliani, Ouverture

Verdi scrive I vespri siciliani nel 1854-55, la cui ouverture, spesso eseguita singolarmente nei concerti, è un capolavoro di irruenza e cantabilità, in cui si ritrovano echi delle prime esperienze del Risorgimento italiano. La musica dell’ouverture è prorompente, trascinante, si avverte la luminosità spettacolare della terra siciliana. La partitura si presenta anche in tanti punti delicata, intima. Rappresenta tutti i tratti caratteristici del genio di Verdi.

 

Wolfgang Amadeus Mozart, Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in la maggiore, K 488

Scritto durante la composizione de Le nozze di Figaro, il Concerto K. 488 ne ripropone la sensualità e l’appassionato impeto vitalistico. Terminato il 2 marzo 1786, il Concerto si preannuncia sin dal primo movimento come uno fra i più preziosi e intimi del genio di Salisburgo, con temi caratterizzati da una profonda intensità espressiva.

 

Ludwig van Beethoven, Sinfonia n. 7 in la maggiore, op. 92

La Sinfonia n. 7, composta parallelamente all’ottava tra il 1811 e il 1812, ha un linguaggio drammatico, che propone un contrasto tra luce e ombra, tensione e riposo, propri della vita interiore. Pur essendo piuttosto classica nella forma, è caratterizzata da una grande vivacità ritmica. Il ritmo, come elemento primario della composizione, dà vita alle melodie e trasforma i temi ed è usato anche a livello timbrico e armonico.