Categorie

La dirindina

Intermezzo comico in due parti nell’opera “Ambleto”

Aperia della Reggia di Caserta
Venerdì 13 luglio 2018, ore 21.00
Intermezzo comico in due parti nell’opera “Ambleto”
musica di Domenico Scarlatti
Libretto di Gerolamo Gigli
Revisione critica e inserti a cura di Ivano Caiazza

Direttore | Maurizio Agostini
Regia | Riccardo Canessa

Personaggi e Interpreti

Dirindina | Sonia Ciani
Don Carissimo | Carlo Torriani
Liscione | Enrico Iviglia
Assuntina/Dirindona | Lara Sansone

 

Quintetto d’archi del Teatro di San Carlo

Violini | Cecilia Laca, Luigi Buonomo
Viola | Antonio Bossone
Violoncello | Luca Signorini
Contrabbasso | Ermanno Calzolari
Basso continuo | Livia Guarino

La Dirindina è un intermezzo in 2 parti , concepito per gli intervalli dell’ opera seria Ambleto dello stesso Scarlatti. Scritta per la stagione di carnevale 1715 del Teatro Capranica di Roma, questa farsetta venne fermatain extremisdalla censura a causa delle intemperanze del testo. L’autore, il celebre drammaturgo toscano Girolamo Gigli, vi aveva fatto confluire la propria acuminata satira sia verso i costumi del teatro in musica, sia verso la morale ipocrita del bacchettone Don Carissimo.
La vicenda , esilissima, è un pretesto per descrivere l’ambiente musicale del primo Settecento: Don Carissimo, maestro di cappella sciocco, pedante e bacchettone; la sua allieva Dirindina, giovane cantante tanto ambiziosa quanto mediocre; Liscione, “evirato cantore”, abile e spregiudicato .
In questo senso la Dirindina precorre il fortunato filone della satira sul mondo teatrale: sono successivi lavori come Il teatro alla moda di Benedetto Marcello , L’impresario delle Canarie di Metastasio e L’impresario della Smirne di Goldoni.

Grazie a tutti! / Thank you all #unestatedare18